Pubblicato il

A spasso con la Volpe – il podcast

S02E01 | Spiritualità, Shinto e Buddhismo

Inizia la Stagione #2 del nostro podcast "A spasso con la Volpe"

La stagione delle feste è vicina, e vi vogliamo fare compagnia in questo periodo dell’anno con la nuova stagione del podcast A Spasso Con La Volpe.

Dopo la prima stagione, che potete trovare qui, ricominciamo parlando di spiritualità, e lo faremo per 6 episodi in compagnia di Sabrina Miso, di cui vi diamo qualche piccola informazione:

Sabrina (dall’omonimo film con Audrey Hepburn), nata a Roma alla fine degli anni 80, cresciuta a pasta, manga, e libri.
Curiosa di natura, da sempre appassionata di storie, arte & cultura, e posti nuovi da esplorare.

Diplomata al liceo classico e con una laurea in Studi Orientali (curriculum di lingua e cultura giapponese), sin da ragazzina si definiva scrittrice (e ha auto-pubblicato un romanzo breve) ma è finita a lavorare nel marketing.
Nel settembre 2013, si è trasferita a Vancouver insieme a suo marito, dove vive tuttora.

Le piace scrivere (e parlare) di cultura, di Giappone, di Vancouver, e di quello che trova interessante (quindi molte cose, essendo una multipotentialite!).

Non studia giapponese da quasi 10 anni ma la sua passione per la terra del Sol Levante non si è mai spenta e adesso sta tornando sui suoi passi di yamatologa.

Potete conoscerla meglio seguendo il suo blog, o sulla pagina FB.

Pubblicato il

L’uomo che voleva uccidermi

L'uomo che voleva uccidermi

Confesso, questo è probabilmente uno dei libri che più mi ha sorpreso nell’ultimo anno.

L’uomo che voleva uccidermi è un giallo, ambientato nel sud del Giappone: la trama si sviluppa intorno all’omicidio di una giovane donna, e mano a mano che l’investigazione procede si delineano le figure di un’umanità difficile e solitaria che cova in sé la possibilità del male.

Lo sento un romanzo molto potente, in grado di parlare del più ampio disagio sociale contemporaneo in maniera tagliente e commovente, e che riesce a restituire un Giappone difficile e complesso molto lontano dagli stereotipi

Pubblicato il

L’assassinio del commendatore | Qualche opinione

L’Assassinio del Commendatore
Libro Primo – Idee che affiorano

Parliamo ancora di letteratura giapponese, soprattutto quella di casa nella tana della Volpe, da Inari Books & Lifestyle a Torino.

Oggi parliamo niente di meno che di “L’assassinio del Commendatore” di Murakami Haruki, edito da Einaudi e tradotto da Antonietta Pastore.

Non potevo non parlare di questo libro – volume primo di due – perché sono una #murakamers senza vergogna e i mondi di Murakami sono qualcosa di unico.
Ho cercato di non fare troppi spoiler, e di darvi un’idea generale dell’atmosfera di questa prima parte del romanzo, in attesa del secondo volume che uscirà a gennaio 2019.

E voi? Avete letto questo breve romanzo? Sono curiosa di conoscere le vostre opinioni!

Pubblicato il

La ragazza del Convenience Store

Continuano le nostre chiacchierate sui libri giapponesi – un piccolo scorcio – in lingua italiana – sulla letteratura giapponese, soprattutto quella di casa nella tana della Volpe, da Inari Books & Lifestyle a Torino.

Oggi parliamo di “La Ragazza del Convenience Store” di Murata Sayaka, edito da E/O.
Il testo è stato scelto come #librogiappone
Se non conoscete l’hashtag di questo bookclub, vi consiglio di dare subito un occhio ai profili IG delle creatrici:

@niachan_80
@bibliogiapponese
@onetwofrida
@tradgiappone
@micheladp

E voi? Avete letto questo breve romanzo? Sono curiosa di conoscere le vostre opinioni!

Pubblicato il

Aspettando Murakami

Il nuovo libro di Murakami è quasi arrivato, e nell’attesa (impaziente) proviamo a ripercorrere le caratteristiche della scrittura di questo grande autore.

Una rapida – e molto personale – panoramica sulla produzione di questo autore, e su quegli aspetti che lo rendono unico e coinvolgente!

Pubblicato il

Natsume Soseki

Ecco ciò che penso ora, a trent’anni: più è profonda la gioia più intensa è la tristezza, più è grande il piacere più acuta è anche la sofferenza. Se si tenta di separarli si perde se stessi. Se si prova a disfarsene crolla il mondo.